Lama dei Peligni

Altitudine: 669 m s.l.m
Abitanti:
1.407

Il territorio di Lama dei Peligni risulta abitato sin dall’epoca preistorica, ne sono testimonianza diversi reperti rinvenuti nella zona circostante. Nel periodo medievale, il borgo si distingue per la presenza di alcuni eremi, come l’eremo di Grotta Sant’Angelo, dimora del Beato Roberto da Salle, discepolo di Celestino V, mentre in epoca rinascimentale, Lama è interessata da un notevole sviluppo nel campo produttivo della lana. Trai i luoghi d’interesse spiccano il Palazzo dei Baroni Tabassi, quello Ducale, la Chiesa di San Nicola e Clemente, la Chiesa di Santa Maria della Misericordia e il Convento di Sant’Antonio da Padova in località Convento, dove è anche possibile avvistare il camoscio appenninico, protagonista di quest’angolo di Parco Nazionale e “celebrato” nel centro visita Maurizio Locati. Poco fuori Lama dei Peligni, merita una visita la Grotta del Cavallone, la grotta naturale più alta d’Europa aperta al pubblico, ma prima di lasciare il paese è doveroso assaggiare la sfogliatella, il dolce simbolo della città: una soffice sfoglia friabile farcita di confettura d’uva e di amarena, mosto cotto e noci.

eventi

eventi

eventi

eventi

fare

I Nostri Partner

© 2018 Maiella Walking | Esperienze a piedi tra i sentieri e gli eremi della Maiella All Rights Reserved.
P.Iva 01234567890